Un diario dei vostri progressi

71

Quando ho iniziato a lavorare a maglia, ho dovuto fare i conti con molti tentativi ed errori nell’affrontare il problema di mettere i punti sui ferri, nel fare la maglia rasata, nell’aumentare e diminuire, nell’abituarmi alle dimensioni dei ferri, alla tensione e altro ancora. Per me era un mondo totalmente nuovo, sia per quanto riguarda il linguaggio usato che, nella pratica, per capire come maneggiare filo e ferri. Un percorso a ostacoli divertente, che mi piace ancora ora, dopo sei anni, e mi emoziona l’idea di tenere traccia dei miei progressi!

È stata la mia insegnante di lavoro a maglia a fare una foto del mio primo progetto da condividere sulla pagina Facebook del suo negozio, e questo mi ha messo la pulce nell’orecchio. Così, ho cominciato a fare foto di tutti i miei progetti, e lo faccio tuttora.

È fantastico guardarsi indietro e vedere le proprie creazioni, le combinazioni di colore usate e i miglioramenti della tecnica. Quindi, perché non rispolverare gli obiettivi delle fotocamere o prendere in mano lo smartphone per immortalare le vostre prime creazioni? E non solo: stampate le fotografie e create un vostro album personale del lavoro a maglia, con alcuni appunti su come è iniziato il vostro viaggio in questo mondo e magari qualche campione dei fili utilizzati. Divertitevi a conservare i ricordi della vostra esperienza!

Potrebbe piacerti
blog comments powered by Disqus